Raffreddore: il massaggio aiuta

Raffreddore: il massaggio aiuta

Come intervenire tempestivamente, sin dai primi sintomi, per evitare che un semplice raffreddore si trasformi in una sindrome influenzale

Con l’autunno e il cambio di stagione, il raffreddore è
sempre in agguato, stanchezza e influenza dipendono non solo dal cambio di stagione ma anche dalla PSICHE: ai primissimi sintomi il raffreddammento, dovuto a
condizioni atmosferiche particolari, a vestiti poco appropriati o a
infezioni, si manifesta con segni di “freddo”, o
freddolosità che giungono all’organismo.
E’ importante intervenire proprio in quel
momento, quando cioè ancora non si manifestano i “segni di
calore” che indicano il progredire della patologia.

Starnuti, muco nasale chiaro, prurito in gola e mal di testa sono i
sintomi più frequenti: indicano, secondo la diagnosi in
medicina cinese, il primo livello di penetrazione dei fattori
patogeni, generalmente indicati come “vento freddo”. A volte sono
accompagnati da un pò di febbre, ma non da vera e propria
influenza.
E’ importante stimolare la funzionalità del Polmone per
sollecitare l’Energia Difensiva (Wei Qi) ed evitare che il ristagno
energetico indotto dal freddo dia origine a tosse o bronchiti
varie, con ristagno di flegma o catarri (umidità
condensata).

Ecco le manovre di primo intervento:

  • per tonificare il Polmone: frizioni e percussioni, per scollare e picchiettare, in questo modo viene migliorata la vascolarizzazione e la contrattilità muscolare, con una pressione costante e adeguata, decisa  ha un effetto diretto sulla circolazione linfatica e venosa.
  • per scaldare e tonificare: sfioramento e sfregamento, movimento armonico, leggero e aumento dell’intensità e la forza applicata. La pressione più decisa  ha un effetto diretto sulla circolazione linfatica e venosa mentre lo scivolamento leggero della mano sulla pelle agisce sul relax e preparare la persona alle azioni successive del massaggio.
  • per risolvere il mal di testa: massaggiare le tempie a
    lato delle sopracciglia.
  • per aprire le cavità nasali: massaggiare con la
    punta di indice e medio i punti a lato e sul bordo inferiore delle
    narici.
  • per favorire la sudorazione: sfregare ripetutamente,
    sempre per la durata di circa un minuto, la linea mediana del
    collo, dall’attaccatura dei capelli alla sua base.